domenica 14 Luglio 2024
spot_img

Ue, Tajani “Non ci si può precludere un dialogo a destra”

Da non perdere

ROMA (ITALPRESS) – “Serve stabilità in Europa. Qualunque cosa la mettesse a rischio, sarebbe un danno per tutti. Poi, noi collaboreremo con il governo francese chiunque vinca. Se il mio omologo apparterrà al partito della Le Pen, mi confronterò con lui. Ma aspettiamo il secondo turno. Il nostro interlocutore principale, i Republicains, saranno decisivi”. Lo ha detto al Corriere della Sera il ministro degli Esteri e leader di Forza Italia, Antonio Tajani. “Nella Ue ci sono diverse maggioranze. Una in Consiglio, è quella che ha espresso von der Leyen. Poi ce n’è un’altra in Parlamento, che deve eleggere von der Leyen, che dà il gradimento su commissari, che può cambiare da dossier e dossier. Io stesso, nella riunione del Ppe ho protestato perchè si doveva dare più ascolto alle nostre istanze, e ho precisato che non avremmo accettato una apertura ai Verdi. E ho detto, e fino al 18 lavorerò per questo, che bisogna aprire ai Conservatori se si vuole avere la certezza che von der Leyen venga votata. Sempre per il principio della stabilità, è bene che la maggioranza che la sosterrà sia ampia e certa” aggiunge.”Non si ci si può precludere un dialogo a destra. Il governo italiano non è solo composto da esponenti dei Conservatori o di Id come la Lega: ci siamo noi di FI, io che sono stato 22 anni vicepresidente del Ppe, siamo la seconda forza della coalizione, diamo equilibrio al governo e siamo pienamente affidabili. La nostra garanzia è forte. E’ un grave errore non averne tenuto conto” conclude.(ITALPRESS).

Foto: Agenzia Fotogramma

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img