giovedì 08 Dicembre 2022

Shrinkflation! Mi si è ristretto il prodotto!

Da non perdere

Marco Sutter
Marco Sutterhttps://giornalepartiteiva.it
Direttore Responsabile, Giornale Partite Iva. Podcast delle Partite Iva. Direttore e founder di Golf and Travel, Food and Travel Italia, Wine and Travel. Direttore di Fashion Life Magazine (partner di FashionTv). Ideatore e conduttore di: il Podcast delle Eccellenze, Podcast Golf and Travel, TeleGolf sulla piattaforma Canale Europa.

Il verbo “shrink” nella lingua anglosassone significa restringe, ridurre. “Flation” deriva invece da inflation, rincaro in inglese. Dall’unione nasce “shrinflation”, la recente tecnica di marketing   ideata dalle grandi aziende, soprattutto le multinazionali, per massimizzare i profitti.

MA CHE COS’È LA SHRINKFLATION?

Molti beni di largo consumo sono interessati a questa nuova strategia aziendale, tecnica non priva di controversie a livello nazionale ed internazionale.

La shrinkflation non è altro che un processo di riduzione delle quantità di prodotto all’interno delle confezioni con prezzi che restano tuttavia invariati.

Le dimensioni del prodotto rimangono identiche dando al consumatore l’impressione di acquistare lo stesso articolo e la medesima quantità.

UN ESEMPIO

L’esempio classico che spiega questa tecnica è il pacchetto di patatine o noccioline. L’acquirente si troverà lo stesso prezzo di sempre e la stessa dimensione della confezione ma, a cambiare, sarà la quantità del prodotto all’interno (noccioline o patatine in questo esempio) che sarà, ovviamente inferiore. Uguale sarà per la pasta, per il detersivo, etc.

Con questa tecnica le aziende fanno fronte alla crisi dei consumi, un modo per risparmiare materia prima senza che il consumatore se ne accorga, ma riversando comunque indirettamente su chi compra il costo dei rincari.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img