venerdì 27 Novembre 2020

Sempre più “Spid” per accedere ai servizi online

Da non perdere

MiSE: 5 Accordi di sviluppo e innovazione

Il MiSE autorizza 5 Accordi: 3 di programma e sviluppo e 2 per l'innovazione MiSE autorizza 5 Accordi di sviluppo e innovazione, 61 milioni di...

ICE e Alibaba Group: Made in Italy Pavilion

ICE e Alibaba Group lanciano il Made in Italy Pavilion L’Agenzia ICE e Alibaba Group hanno siglato un Memorandum of Understanding per la creazione del...

Europa: qualità dell’aria migliorata

La qualità dell'aria in Europa è migliorata rispetto allo scorso decennio Pubblicata la Relazione 2020 sulla qualità dell'aria in Europa: la qualità dell'aria è migliorata...

Partite IVA: novità e semplificazioni fiscali

Novità e semplificazioni fiscali per le Partite IVA Si prevedono novità per le Partite IVA: i punti più importanti riguardano le semplificazioni fiscali e la...

Spid, dal 15 novembre obbligatorio anche per tutti i servizi online del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali

A partire dal 15 novembre 2020 si potranno utilizzare i servizi telematici del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali esclusivamente attraverso Spid, il sistema pubblico di identità digitale.

Con il passaggio a Spid si unifica il sistema di accesso ai servizi offerti dal Ministero del Lavoro. Non sarà più possibile, ad esempio, utilizzare le precedenti credenziali del portale informativo e di servizio Cliclavoro oppure il Pin del sito Inps per presentare le dimissioni volontarie.

Anche il Ministero del Lavoro entra così nell’elenco delle amministrazioni pubbliche che consentono ai cittadini di accedere con le credenziali Spid per l’erogazione di servizi e di altre utilità, portando a compimento un percorso avviato dal 2008 con una politica di graduale telematizzazione dei servizi offerti, attraverso l’uso di app e piattaforme digitali.

Dal 28 febbraio 2021, infatti, tutti i siti della Pubblica amministrazione saranno accessibili attraverso questa modalità di accreditamento, in attuazione del decreto Semplificazioni del luglio scorso, convertito in legge l’11 settembre. Il decreto prevede che entro il 28 febbraio del prossimo anno si possa accedere ai siti web della pubblica amministrazione esclusivamente tramite il Sistema pubblico di identità digitale (Spid), la Carta d’identità elettronica (Cie) o la Carta nazionale dei servizi (Cns), fermo restando l’utilizzo delle credenziali già rilasciate fino alla loro naturale scadenza e, comunque, non oltre il 30 settembre 2021.

(Fonte: http://www.inps.it)

- Advertisement -

Altro che può interessare

- Advertisement -

Articoli recenti

Il Napoli omaggia Maradona e batte 2-0 il Rijeka

NAPOLI (ITALPRESS) – Una vittoria per mettere un’ipoteca sulla qualificazione e soprattutto per omaggiare Diego Armando Maradona. Al ‘San Paolò, che verrà presto rinominato...

Cluj battuto, Roma ai sedicesimi di Europa League

CLUJ-NAPOCA (ROMANIA) (ITALPRESS) – Nella nebbia della Transilvania, la Roma batte il Cluj per 2-0 con un autogol e un rigore di Veretout. La...

Castillejo non basta, il Milan pareggia a Lille in Europa League

LILLE (FRANCIA) (ITALPRESS) – Il Milan non va oltre l’1-1 contro il Lille e rimane al secondo posto nel gruppo H dietro ai francesi....

Tosse cronica, esperti a confronto su problemi e diagnosi

ROMA (ITALPRESS) – Un confronto sulla tosse cronica, sui problemi a essa connessi, sulle indagini da svolgere, su diagnosi e terapie. E’ il dibattito...

Coronavirus, Arcuri “Curva si sta congelando ma servono vaccini”

ROMA (ITALPRESS) – “La curva dei contagi si sta raffreddando se non congelando. Oggi il numero degli italiani ricoverati in ospedale è ancora una...
- Advertisement -