martedì 06 Dicembre 2022

Scadenze fiscali con il Decreto Ristori Quater

Da non perdere

Il Decreto Ristori Quater ha inserito scadenze fiscali, novità rispetto ai provvedimenti precendenti

Il Decreto Ristori Quater ha introdotto alcune novità in materia di proroga delle scadenze fiscali, inserendo anche i versamenti di dicembre e scadenza con rate della rottamazione

A differenza dei provvedimenti precedenti, l’intervento ha un raggio più ampio e tocca le dichiarazioni dei redditi e IRAP, l’IMU, ma anche i versamenti di dicembre (ritenute, addizionali e IVA) e la scadenza con le rate della rottamazione.  

Scadenze del 10 dicembre 2020

Il 10 dicembre per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, è prevista la scadenza del versamento della seconda o unica rata dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’IRAP. Salvo smentita la proroga interesserà anche le imposte sostitutive derivanti dalla dichiarazione.

Per questa stessa data si dovrà presentare in modalità telematica la dichiarazione dei redditi e IRAP per il periodo d’imposta 2019 e scade anche la presentazione del modello 770.

Per quanto riguarda gli slittamenti, il versamento cumulativo delle rate 2020 della rottamazione fissate al 10 dicembre dal decreto Cura Italia, slitta al 1° marzo 2021.

Scadenze del 16 dicembre 2020

Per il 16 dicembre è confermato il versamento della seconda rata IMU per tutti i soggetti che i decreti anti Covid non hanno precedentemente escluso.

Il nuovo decreto chiarisce che sono esenti dal pagamento dell’IMU gli immobili dove il soggetto passivo non è il proprietario come nel caso stabilimenti balneari e termali, alberghi, pensioni, agriturismi e b&b, immobili adibiti a eventi fieristici o manifestazioni, sale per concentri e teatri, discoteche e sale da ballo. A queste si aggiungono le attività citate nel decreto Ristori Bis con sede in zona rossa.

Gli slittamenti sono relativi a i versamenti delle ritenute, addizionali e IVA per il mese di marzo.

Scadenze del 18 dicembre 2020

La scadenza del 18 dicembre prevista dal decreto Ristori quater è il versamento del PREU e del canone concessorio del quinto bimestre 2020 in misura pari al 20% del dovuto sulla base della raccolta di gioco del medesimo bimestre.

È possibile versare il restante 80% con quattro rate mensili di pari importo, con gli interessi legali calcolati giorno per giorno a partire dal 22 gennaio 2021.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img