martedì 30 Novembre 2021

Pnrr: il “pacchetto turismo” ammonta a 2,4 miliardi

Da non perdere

Marco Sutterhttps://giornalepartiteiva.it
Direttore Responsabile, Giornale Partite Iva

In attesa degli atti amministrativi che renderanno accessibili le risorse, è stato recentemente approvata dal Consiglio dei Ministri la componente normativa che definisce lo schema di assegnazione dei 2,4 miliardi che il Pnrr destina all’ammodernamento delle strutture turistiche.

La parte più cospicua del cosiddetto “pacchetto turismo” verrà destinata al Fondo Nazionale del Turismo (con 1.786 milioni) che comprenderà sei diversi interventi: 500 milioni in credito d’imposta e contributi a fondo perduto per le imprese turistiche;

  • 98 milioni per i sostegni alla digitalizzazione delle agenzie di viaggio e dei tour operator;
  • 500 milioni per l’attivazione di un fondo per l’ammodernamento delle strutture ricettive, interventi per la montagna e per lo sviluppo di nuovi itinerari turistici;
  • 358 milioni per il fondo di garanzia a sostegno del tessuto imprenditoriale e lo sviluppo di nuove professionalità;
  • 180 milioni per il solo fondo perduto in relazione all’abbattimento delle barriere architettoniche e al relativo ammodernamento;
  • 150 milioni per il fondo, gestito con CDP, per il rafforzamento delle strutture e la valorizzazione degli asset immobiliari.

La parte restante del pacchetto, annunciata ma non ancora coperta dalla relativa misura amministrativa, vede la destinazione di 114 milioni per attivare il Digital Tourism Hub, cioè la piattaforma digitale che aggregherà l’intera offerta turistica nazionale, e infine 500 milioni per il progetto Caput Mundi, comprensivo di tutti quegli interventi che supporteranno l’offerta turistica relativa al prossimo Giubileo.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img