domenica 21 Aprile 2024
spot_img

Mercedes, profitti 2023 in calo. «Auto elettriche più costose per anni»

Calo della domanda per le vetture alla spina, cambiano gli obiettivi al 2030. Dividendo in leggero aumento. Buyback fino a 3 miliardi

Da non perdere

Mercedes-Benz cambia gli obiettivi sull’elettrificazione. La domanda non corrisponde alle previsioni e anche i prezzi promettono di restare a livelli elevati ancora per qualche tempo, secondo la casa di Stoccarda. Ed ecco che, proprio nel giorno in cui la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, conferma al 2026 la data per una messa in discussione del ban ai motori a scoppio (2035), arriva la rassicurazione: potremo aggiornare la tecnologia e produrre auto a combustione interna fino al prossimo decennio.

Intanto il gruppo ha chiuso il 2023 con un utile netto di 14,53 miliardi di euro, -1,9% rispetto al 2022. I ricavi sono invece saliti del 2,1% a 153,3 miliardi di euro

Domanda in calo per le “auto alla spina”

Durante la conferenza annuale, a Stoccarda, Mercedes-Benz ha avvertito che i veicoli elettrici continueranno a costare più di quelli con motore a combustione interna ancora a lungo. Il produttore di auto premium e di lusso (tra i brand Amg, Maybach e Smart oltre al marchio omonimo) si sta preparando a un raffreddamento della domanda di auto alla spina, concentrata soprattutto nei segmenti medio-piccoli, dove la Stella a tre punte non presidia come alcuni concorrenti.

Il costruttore tedesco ha previsto una riduzione dei profitti nel 2024, citando le sfide poste dal rallentamento dell’economia. Si tratta di un’incertezza «eccezionale», causata dai conflitti in Medio Oriente e Ucraina e dalle tensioni tra Cina e Stati Uniti. Le strozzature della catena di approvvigionamento per i componenti critici rimangono «un fattore di rischio significativo», mentre il potenziale di un rallentamento «ancora più pronunciato» della crescita economica potrebbe avere un impatto sui mercati automobilistici.

È probabile, quindi, che le vendite del primo trimestre siano inferiori al livello dell’anno precedente.

Per il 2024, il gruppo di Stoccarda ha dichiarato di aspettarsi un ritorno sulle vendite rettificato inferiore a quello del 2023 (12,6%), pari al 10-12% per le auto e al 12-14% per i furgoni (in calo rispetto al 15,1% dello scorso anno).

Parità dei costi lontana «molti anni»

Un problema non da poco, comunque, è che la parità dei costi variabili tra i veicoli elettrici e le auto tradizionali sarebbe «lontana molti anni», è la visione di Källenius. «Lo si vede dai prezzi». Mercedes-Benz, in effetti, ha aumentato il prezzo medio del 2%, portandolo a 74.200 euro. Questo a dispetto delle recenti previsioni di Goldman Sachs, che ha stimato raggiungibile la cost parity tra elettrico e termico già entro il 2025, grazie al crollo (-40%) dei prezzi delle materie prime per le batterie, che sono il 30% del costo di un Bev (battery electric vehicle).

Del resto la domanda di veicoli elettrici si è raffreddata in tutta Europa, con i rivali cinesi e Tesla che hanno messo a nudo le debolezze competitive delle case continentali. Volkswagen, ad esempio, ha accantonato il progetto di quotare le sue attività nel settore delle batterie. I segnali negativi sulla domanda in Spagna, dove Vw punta a realizzare la terza fabbrica di celle a Sagunto, vicino a Valencia, e la cui produzione dovrebbe iniziare entro il 2026, sono negativi.

Ibride plug-in rilevanti a lungo, cambiano i target

Per farsi capire meglio Mercedes-Benz ha avvisato clienti e investitori: la casa si è detta ben posizionata per continuare a produrre auto con motore a combustione interna e ad aggiornare la relativa tecnologia fino al prossimo decennio. In più, cambiano i target: ora a Stoccarda si aspettano che il 50% (non più il 100%) delle vendite entro la fine del decennio provenga da auto elettrificate. Källenius aveva già avvertito, a fine 2023, che l’Europa probabilmente non sarebbe stata pronta. Gli investimenti in capacità e sviluppo tecnologico dei produttori hanno superato la domanda effettiva di veicoli elettrici, aumentando la pressione sul taglio dei costi.

Ecco perché «pensiamo che le ibride plug-in rimarranno rilevanti ancora per molto tempo», ha dichiarato ieri il ceo di Mercedes-Benz. E sono proprio le ibride, secondo un sondaggio Deloitte anticipato dal Sole 24 Ore, le vere protagoniste della domanda tra i consumatori europei, insieme alle auto termiche. Per il boom della domanda di elettriche c’è ancora da attendere. Vuoi vedere che sull’elettrico aveva ragione Toyota, ormai da due anni seconda per vendite nel Vecchio continente proprio grazie alle sue ibride?

Fonte: https://www.ilsole24ore.com/

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img