mercoledì 20 Gennaio 2021

Agevolazioni per acquisto di biciclette ed e-bike

Da non perdere

Le agevolazioni per l’acquisto di biciclette e e-bike

Nella Legge di Bilancio sono contenute diverse agevolazioni per l’acquisto di e-bike e biciclette: dal contributo rivolto ai possessori di partite Iva ai bonus bici, l’obiettivo è rendere le città sempre più bike-friendly

Al fine di ridurre il traffico e l’inquinamento dell’aria, la Legge di Bilancio introduce nuove agevolazioni per l’acquisto di cargo bike, biciclette e bicilette a pedalata assistita.

Il primo provvedimento prevede uno stanziamento di 2 milioni di euro ed è rivolto ai possessori di partite Iva titolari di microimprese e piccole imprese. L’agevolazione consiste in un contributo sotto forma di credito d’imposta annuo che coprirà il 30% delle spese sostenute (fino a un massimo di 2.000 euro) per ogni impresa che beneficerà del bonus.

Oltre a ridurre l’emissione di sostanze inquinanti, le cargo bike permettono di spostarsi più velocemente nel traffico in quanto rendono possibile attraversare senza limitazioni zone a traffico limitato o ciclo pedonali.

Nel 2021 è prevista anche l’approvazione di un decreto attuativo per portare avanti l’erogazione dei bonus bici lanciati con successo nel 2020. Con uno stanziamento di 100 milioni di euro, la Legge di Bilancio prevede l’avvio del “Programma sperimentale buono mobilità”, una continuazione del bonus bici. Il bonus consiste in un contributo fino al 60% del prezzo di listino (massimo 500 euro) per l’acquisto di bici, e-bike, monopattini, ma anche abbonamenti al trasporto pubblico. L’importo del bonus può salire fino a 1.500 euro se il richiedente rottama un’autovettura Euro 3 o antecedente.

Tuttavia, pare che questo ulteriore stanziamento sia finalizzato a smaltire le richieste del 2020 per cui è probabile che, una volta soddisfatta la domanda del bonus bici inevasa lo scorso anno, i fondi rimasti siano spostati verso il bonus rottamazione.

Un ulteriore incentivo all’uso della bicicletta fa parte di un’iniziativa già sperimentata nei mesi scorsi in Italia in diverse località: la formula prevede l’erogazione di un contributo per ogni chilometro percorso in bici fino a un massimo prestabilito. Questa iniziativa ha riscosso molto successo a Bari dove, per esempio, l’amministrazione garantisce un rimborso di 0,20 euro/km per chi si sposta in bicicletta lungo il tragitto casa-lavoro e di 0,04 euro/km per gli altri spostamenti all’interno del Comune.

- Advertisement -

Altro che può interessare

- Advertisement -

Articoli recenti

- Advertisement -