martedì 18 Giugno 2024
spot_img

Istat: Faib Confesercenti, aumenti prezzi carburanti colpiscono consumatori e gestori

Da non perdere

Urgenti interventi di riassetto del settore

I dati Istat sull’inflazione confermano le forti tensioni sui prezzi al consumo. Sul dato degli energetici, Faib Confesercenti rileva che quelli riferiti a benzina e gasolio, nel periodo luglio agosto 2023, rispetto allo stesso periodo del 2022, hanno conosciuto un ulteriore incremento. In particolare, nel mese di agosto 2023 i prezzi della benzina e del gasolio sono aumentati, rispetto a luglio del 4.2% e del 7.3%; rispetto ad agosto del 2022 sono aumentati dell’8%, per quanto riguarda la benzina e dell’1,9% per il gasolio. Aumenti che non hanno mancato di incidere pesantemente sulle gestioni il cui ricavo non è commisurato al prezzo al litro ma ai litri erogati/venduti.

“È evidente che l’aumento dei prezzi alla pompa danneggia i gestori carburanti allo stesso modo dei consumatori – dice Giuseppe Sperduto, Presidente della Faib Confesercenti. In altre parole, se per ipotesi la benzina costasse 1 euro al litro, con 20 euro di rifornimento, il gestore avrebbe un guadagno di 80 centesimi; viceversa, con il costo a 2 euro il gestore guadagna appena 40 centesimi. Come si vede gli aumenti toccano, allo stesso modo dei consumatori, i gestori carburanti che non a caso sono fortemente preoccupati per la riconcorsa dei prezzi carburanti. Se i consumatori dimezzano la capacità di rifornimento, i gestori dimezzano il guadagno”.

“In questo senso – conclude Sperduto – a nulla è servito, come avevamo più volte denunciato, unitamente all’Antitrust e alle altre parti rappresentative della filiera, il cartello del prezzo medio che semmai ha favorito un allineamento verso l’alto dei prezzi praticati, che sono sempre e soltanto indicati dai titolari/proprietari degli impianti. Il Governo per incidere in modo significativo sul settore deve procedere celermente verso la riforma del comparto, secondo le indicazioni che gli attori della filiera hanno già fornito di ristrutturazione e riqualificazione della rete e di riforma della contrattualistica. Riteniamo essenziale anche mettere mano al riassetto fiscale del settore, contrastando l’ancora evidente evasione e introducendo, in via strutturale, le accise mobili che scatterebbero al superamento di una certa soglia, senza compromettere gli equilibri previsionali di bilancio dello Stato e senza conseguire extragettito a spese dei cittadini”.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img