sabato 23 Ottobre 2021

Intervista all’On. Lisa Noja

Da non perdere

Quali sono i programmi del Governo per sostenere le famiglie in questo difficile momento?

Dopo l’approvazione del provvedimento istitutivo dell’assegno universale per ogni figlio a carico, il Parlamento si accinge ad approvare il secondo pilastro della riforma complessiva in tema di politiche integrate a sostegno della famiglia, il cosiddetto Family Act. Questa seconda Legge delega, oltre a riguardare il rafforzamento del supporto alle famiglie per le spese educative e scolastiche, prevede di estendere i congedi di paternità obbligatori e strutturali e di introdurre incentivi al lavoro femminile, dalle detrazioni per i servizi di cura alla promozione del lavoro flessibile.

Sia i lavoratori autonomi che i liberi professionisti, quindi il grande mondo delle Partite Iva, sono stati colpiti duramente dalla pandemia. Quali saranno gli interventi del Governo nei prossimi mesi?

L’elemento di interesse è che il testo della Legge delega del Family Act, anche grazie a nostri emendamenti presentati in Commissione Affari sociali alla Camera, impone espressamente al Governo di prevedere misure che, tenendo conto della specificità̀ delle singole professioni, favoriscano l’estensione della disciplina degli interventi previsti da tale provvedimento anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti.

Prima, riferendosi al Family Act, ha accennato anche a degli incentivi per il lavoro femminile. Come sappiamo le differenze nel mondo del lavoro tra uomini e donne, soprattutto nelle Partite Iva, sono ancora sostanziali. Quali saranno gli interventi in questo ambito?

Finalmente, con il Family Act, si va verso il riconoscimento che, con le dovute differenze, le tutele volte a favorire la parità di genere debbano comunque trovare applicazione anche nell’ambito del lavoro autonomo e della libera professione, settori in cui per le donne è assai più difficile riuscire a conciliare la maternità e la costruzione della propria carriera. Questa attenzione è particolarmente importante anche perché in parallelo dovranno essere portati avanti tutti gli interventi previsti dal PNRR per promuovere l’occupazione femminile e la parità di genere, tema che costituisce uno degli assi trasversali a tutte le sei Missioni del Piano. Da questo punto di vista sarà molto importante anche il ruolo svolto dalle amministrazioni locali. Infatti, se è vero che il Recovery Plan e il Family Act porteranno risorse per progetti importanti, essi potranno camminare solo se gli enti locali sapranno farsi carico di questa grande rivoluzione che vede nelle politiche integrate per la famiglia uno strumento essenziale di promozione dell’empowerment femminile.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img