sabato 10 Giugno 2023
spot_img

Il personale nel settore turistico. La situazione.

Da non perdere

Marco Sutter
Marco Sutterhttps://giornalepartiteiva.it
Editore da sempre e giornalista dal 1999 ha congiunto le due professioni ideando progetti editoriali e dirigendo diverse redazioni ricoprendo il ruolo di Direttore Responsabile e Direttore Editoriale di settimanali e mensili ad alta tiratura nazionale, portando in Italia diversi progetti editoriali quali Food and Travel e altre testate. Ad oggi dirige diverse testate giornalistiche, sia cartacee che digital, ed è il founder/publisher di diversi progetti editoriali ed imprenditoriali nei seguenti settori: food, wine, beverage, travel, hospitality, golf, fashion, luxury, e altri. Mail - marco.sutter@giornalepartiteiva.it

La mancanza di personale nel settore turistico è una preoccupazione diffusa che viene spesso affrontata dagli operatori del settore e dalle istituzioni. È vero che la narrativa e l’immagine che circondano il lavoro nel turismo possono influenzare la percezione delle competenze richieste e, di conseguenza, la scelta delle persone di intraprendere una carriera in questo settore.

Per affrontare questa situazione, è importante rivedere la narrazione e promuovere un’immagine positiva delle opportunità di carriera nel turismo. Lavorare nel turismo non dovrebbe essere considerato un ripiego, ma una scelta professionale legittima e gratificante. Ci sono molte competenze e abilità richieste nel settore, come l’ospitalità, la gestione degli eventi, il servizio clienti, il marketing e la comunicazione, solo per citarne alcuni. È importante sottolineare che queste competenze possono essere altamente trasferibili e valorizzate in molte altre industrie.

Inoltre, è fondamentale investire nella mappatura delle competenze e nella formazione per sostenere lo sviluppo professionale nel settore turistico. Le organizzazioni possono identificare le competenze richieste per diversi ruoli nel turismo e fornire programmi di formazione mirati per aiutare le persone ad acquisire o migliorare tali competenze. Ciò può contribuire a colmare il divario di personale e a creare opportunità di carriera più attraenti nel settore.

In sintesi, è importante cambiare la narrativa e promuovere una visione positiva delle opportunità di carriera nel turismo. Investire nella mappatura delle competenze e nella formazione può contribuire a colmare il divario di personale e a rendere il settore turistico più attraente per i potenziali lavoratori. Lavorare nel turismo non dovrebbe essere considerato un ripiego, ma una scelta professionale valida e stimolante.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img