sabato 23 Ottobre 2021

Ecobonus per la caldaia a condensazione

Da non perdere

Ecobonus per la caldaia a condensazione. Requisiti e modalità di cessione del credito

Per l’Ecobonus per la caldaia a condensazione, la detrazione del 50 o del 65 per cento può essere fruita anche mediante cessione del credito. Facciamo il punto su requisiti e tempi da rispettare, alla luce delle indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate. Anche il bonus fiscale per la riqualificazione energetica può essere “monetizzato”, ma in ogni caso ai fini dell’accesso all’agevolazione è fondamentale che l’intervento eseguito rispetti i requisiti generali previsti per l’accesso all’ecobonus. I lavori di riqualificazione energetica continuano ad essere incentivati dall’ecobonus, detrazione che cammina in parallelo al superbonus del 110 per cento ma per la quale sono previsti requisiti d’accesso meno stringenti.

L’aliquota della detrazione spettante è pari al 50 per cento, e sale al 65 per cento per specifiche categorie di interventi. Per le caldaie a condensazione, detraibili fino al limite massimo di spesa pari a 30.000 euro per unità immobiliare, la percentuale di ecobonus spettante varia in relazione alla tipologia di lavoro effettuato, secondo specifici requisiti. L’ecobonus per la sostituzione della caldaia a condensazione spetta esclusivamente per i lavori su edifici esistenti, ossia accatastati o in corso di accatastamento, e dotati di impianto di climatizzazione invernale. Per la cessione del credito l scadenza è il 16 marzo 2022.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img