venerdì 07 Ottobre 2022

Cresce l’industria dei servizi immobiliari

Da non perdere

Nel 2020 l’industria dei servizi immobiliari in Europa registra una crescita dell’1,3%

Scenari Immobiliari ha realizzato l’ultimo “Rapporto sulla filiera dei servizi immobiliari in Europa e in Italia” relativo alla crescita del settore dei servizi immobiliari nell’ultimo anno. Al contrario del mercato immobiliare, calato in media in Europa del 13,8%, il settore dei servizi immobiliari, che include le costruzioni, il project management e le attività di intermediazione per la vendita e la locazione, è in crescita dell’1,3%.

Francesca Zirnstein, direttore generale di Scenari Immobiliari, sottolinea l’importanza di questo settore: “Da tempo i servizi immobiliari si occupano della centralità dei conduttori come fruitori finali dei servizi e la crisi ha consolidato questa relazione. Per rispondere alle nuove esigenze sarà fondamentale eccellere in qualità e questo comporta un maggiore investimento in formazione”.

Secondo Scenari Immobiliari, il settore delle attività mobiliari e delle costruzioni fornisce mediamente nelle principali economie europee il 18,2% del Pil (il 18,7% in Italia). Nel 2019 il fatturato delle attività dei servizi immobiliari in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna è circa di 374 miliardi di euro (-1% rispetto all’anno precedente). Italia e Francia riportano una crescita del fatturato del 2,7% (42 miliardi) e del 9,8% (85 miliardi), mentre, per quanto riguarda il fatturato medio per occupato l’Italia si trova in posizione arretrata con 130.000 euro.

Da rilevare, infine, che il settore delle costruzioni occupa dodici milioni di persone in Europa (5,9% della forza lavoro complessiva), mentre le imprese attive nel settore superano i 2 milioni. L’Italia, in particolare, conta 1,31 milioni di occupati in 493mila imprese.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img