mercoledì 01 Febbraio 2023

Che cos’è il Co-Housing?

Da non perdere

Il fenomeno del vivere condiviso arriva in Italia. A Milano già 6 sviluppi immobiliari per un totale di 324 unità abitative private e oltre 2000 mq di aree comuni.

Il Gruppo Gabetti, società leader nell’intermediazione immobiliare, e Homers, società benefit che si occupa della progettazione e della realizzazione di co-housing, stanno collaborando a una ricerca il cui obiettivo è l’analisi delle potenzialità del mercato dell’abitare condiviso, il cosiddetto co-housing.

Il co-housing, secondo la definizione proposta da Homers, è un modello abitativo costituito da alloggi a uso privato indipendenti e autonomi, con in più spazi a uso collettivo e con la presenza attiva di una comunità intenzionale di abitanti – i co-houser – che si riuniscono con lo scopo di creare una realtà comunitaria che garantisca loro una migliore qualità di vita.

Tale fenomeno è già molto sviluppato in Europa, specialmente al nord: in Danimarca e in Svezia tra l’1e il 2% della popolazione vive in cohousing. Un potenziale enorme dunque, anche in termini di obiettivi di sviluppo sostenibile e rigenerazione urbana: si pensi solo che, se i co-houser italiani diventassero l’1% della popolazione, questo significherebbe ristrutturare più di 130.000 edifici.

In Italia nel 2022 sono 28 i progetti di questo tipo, localizzati tutti nel nord del Paese, di cui 21 di iniziativa privata e disponibili sul libero mercato: questi ultimi rappresentano il campione oggetto dello studio edito da Gabetti e Homers.

Quanto costa?

Con il co-housing è infatti possibile disporre di ambienti extra e di qualità grazie alla redistribuzione dei costi di acquisto delle aree comuni, con un prezzo medio registrato nel campione in esame di 2.350 €/mq

La città dove si riscontra la maggior concentrazione di co-housing è Milano: 6 sviluppi immobiliari per un totale di 324 unità abitative privatee oltre 2000 mq di aree comuni.

Il caso di Milano riflette, per tanti aspetti, il profilo nazionale dei progetti di co-housing: si tratta infatti di edifici sostenibili con alte prestazioni energetiche sia di nuova costruzione sia di recupero (come borghi o cascine) abitati da comunità multigenerazionali. Sebbene l’estensione degli interventi sia molto variegata – passiamo da complessi di oltre 100 unità a piccole realtà di 5 – la superficie media degli alloggi risulta essere sempre intorno ai 100 mq e il taglio più diffuso è quello del trilocale.

Il cohousing è un modo di abitare in cui riscoprire i valori della collaborazione e della cura reciproca, partendo dalle comunità di vicinatodichiara Matteo Robiglio, direttore scientifico della ricerca, founder e board member di Homers. Le ricerche mostrano infatti che i nuclei familiari sono sempre più piccoli e frammentati e sempre più famiglie – 3 milioni nel 2021 – si dichiarano insoddisfatte della propria abitazione. Questo ci impone di pensare a un modo diverso di abitare: un modello inclusivo capace di rinsaldare i legami tra le generazioni e che offra allo stesso tempo spazi su misura accoglienti, funzionali e belli. Homers cerca di interpretare questi cambiamenti con nuovi prodotti e processi, rispondendo alla domanda emergente di abitare condiviso in contrasto alla solitudine, integrando la casa privata con spazi e servizi di comunità. Proponiamo dei co-housing in cui riscoprire la bellezza di vivere insieme: più di un classico condominio, dei luoghi dove si conoscono i propri vicini di casa, ci si prende cura l’uno dell’altro, si dividono dei costi per avere degli spazi in più ma con la privacy di possedere ciascuno la propria casa.

In aggiunta emergono nuovi desideri – il 58% degli italiani ritiene essenziale la presenza di uno spazio aperto domestico – e nuove priorità che devono trovare eco in una progettazione energeticamente efficiente sempre più attenta al rapporto con lo spazio esterno e all’ambiente”.

“Tra le nuove tendenze dell’abitare, il co-housing si posiziona certamente come una delle più interessanti alternative nel settore living, – dichiara Enrico Cestari, responsabile di Gabetti Home Value – una vera novità nel panorama abitativo italiano ma in veloce crescita: pensiamo che il co-housing avrà forti ripercussioni anche sul tessuto urbano delle città, modificandolo in parte. In questo senso, il co-housing rappresenta una valida opportunità per le iniziative di rigenerazione di edifici e aree in stato di abbandono – pensiamo ai grandi cascinali oggi in disuso, spesso di pregio storico – da restituire alla comunità. Indirizzandosi principalmente a coloro che intendono riprogettare la propria esperienza abitativa in nome della condivisione e dell’aggregazione, il vivere condiviso, si pone come un ulteriore modello che, insieme ad altri esempi di co-living, contribuisce a ridefinire il concetto dell’abitare e ad arricchire i modelli abitativi attuali. Crediamo che questo settore sarà tra i più promettenti nel medio-lungo termine.”

Fonte Homers e Gabetti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img