domenica 03 Luglio 2022

Aprire un e-commerce: strategie, consigli ed errori da evitare

Da non perdere

Il commercio elettronico, il cosiddetto e-commerce, è diventato, uno dei settori più redditizi in cui investire, un mondo in costante espansione, tanto che le piattaforme e i negozi online sono ormai una parte consolidata e fondamentale dell’economia globale moderna e rientrano, quotidianamente, nelle abitudini di acquisto dei consumatori di tutto il mondo. 

Per chi volesse entrare in questo mondo e diventare un imprenditore digitale, vediamo da dove iniziare, quali sono gli errori da evitare, e le cose da tener ben presenti per riuscire vincenti.  

Come per qualsiasi attività imprenditoriale, anche per aprire un e-shop, ossia un sito di e-commerce, sarà necessario pianificare, studiare, avere un’idea di business di successo ed un prodotto o servizio originale, concorrenziale, effettivamente richiesto dal mercato.

Prima di tutto, quindi, bisogna avere un buon business plan per passare, cioè, dall’idea alla sua concreta realizzazione. Per non rischiare quindi di naufragare nel mare magnum del web e chiudere dopo pochi mesi, è necessario dedicare tempo e attenzione alla fase di analisi e strategia, cominciando, appunto, proprio dal business plan, nel quale è fondamentale:

  • mettere a fuoco gli obiettivi, individuare gli strumenti e i canali per raggiungerli;
  • scegliere, analizzare e conoscere a fondo il proprio settore, il proprio mercato e i propri competitor;
  • individuare i profili dettagliati dei propri potenziali clienti;
  • definire costi e ricavi, non tralasciando mai la parte finanziaria;
  • definire e sviluppare strategie di marketing, politiche e azioni mirate;
  • sviluppare il processo di acquisto, il piano operativo, pratico, con il supporto di fornitori, collaboratori, dipendenti, magazzini, corrieri; 
  • impostare e delineare una sorta di road map, a medio e lungo termine, con strategie, processi, politiche e azioni mirate che sappiano orientare, ma anche far sviluppare al meglio le risorse e ottenere risultati redditizi. 

Tutto questo può sembrare un investimento importante, sia in termini temporali che economici, ma sul lungo periodo si rivelerà fondamentale per determinare un risultato di successo. 

Passiamo ora ad un altro aspetto fondamentale, cioè all’iter burocratico e agli adempimenti fiscali necessari (che, come previsto dalla vigente normativa, non sono differenti rispetto a qualsiasi altra attività commerciale).  

Per aprire un e-commerce bisognerà quindi:

  1. Presentare la Comunicazione Unica per:
    1. costituire la nuova ditta, definire la forma giuridica (solitamente impresa individuale) ed iscriversi al Registro Imprese presso la Camera di Commercio territorialmente competente;
    2. aprire Partita IVA, attribuire il Codice ATECO corretto per il commercio elettronico e scegliere il regime fiscale da adottare;
    3. completare l’iscrizione alla Gestione Commercianti dell’Inps;
  2. Presentare la SCIA;
  3. Rispettare i requisiti legali riguardanti la specifica tipologia di merce trattata.

Il costo dell’operazione si aggira tra i 600 e i 1.000 euro, tra spese vive e tariffe applicate da un eventuale studio. Tuttavia, se si vuole risparmiare (ma non per questo rinunciare all’aiuto di professionisti qualificati in una fase così delicata), ci si può affidare ancora una volta al web ed optare per una soluzione low cost.

Tra i servizi migliori, in termini di rapporto qualità / costo, troviamo Fiscozen, un vero e proprio consulente fiscale in versione telematica, in grado di effettuare tutte le prestazioni sopra indicate al modico prezzo di 200 euro + Iva.

Per semplificare, sintetizziamo i passaggi fondamentali di questo viaggio: 

  • definire gli aspetti legali e fiscali; 
  • individuare il modello di business di vendita diretta o indiretta;
  • scrivere un business plan e studiare i competitor, i potenziali clienti, il mercato, le strategie;
  • scegliere la tipologia di piattaforma, impostare un processo operativo affidabile, sicuro e ben strutturato;
  • sviluppare il brand, fidelizzare il rapporto con i propri clienti, fare marketing per incrementare le vendite e per trovare sempre nuovi clienti. 

Creare, costruire e mantenere un sito e-commerce redditizio e di successo non è un traguardo facile da raggiungere. Ogni step è estremamente importante e strettamente legato ad una visione di insieme che non deve lasciare nulla al caso, ma deve tener ben presente che viviamo in un mondo attraversato da continui cambiamenti, un mondo che ci obbliga ad essere pronti, sempre, a nuove sfide e a saperle trasformare in opportunità, per crescere e per essere sempre competitivi.

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Articoli recenti

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img